Pasticceria Bocca di Dama a San Lorenzo


Bocca di dama. Le parole per dirlo

di Kinzi@
VN:F [1.9.22_1171]
 Media: 4.7/5   Voti: 32

Roma, pasticceria Bocca di dama

Pasticceria Bocca di Dama
Via dei Marsi, 4
Roma
Tel. +39 06 44341154
Orario: dalle 11 alle 20 (lunedì chiuso)
http://www.boccadidama.it

A un passo dalle mura aureliane che delimitano parte di San Lorenzo, all’inizio di via dei Marsi, c’√® una pasticceria che semplicemente non ti aspetteresti di trovare in questo quartiere studentesco e notturno.

Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama.

Siamo a Roma o a Parigi?

Entriamo e quello che ci colpisce, prima di gustare i dolci, √® l’ambiente: alto, arioso, chiaro, curato nei dettagli e visibile dalla strada per via di grandi vetrate. C’era un vecchio laboratorio artigianale qui una volta e ne sono stati conservati i muri, scrostati.

Torte e paste del bancone, ricoperto da plexiglass bianco, si vedono grazie ad oblò ad altezza bambino. Non è difficile trovarne qualcuno incollato al vetro rotondo, intento a scegliere con cura un dolce. Su uno scaffale, a sinistra del bancone, sono impilati pacchi di biscotti e decine di scatole beige che servono per impacchettare i dolci da portare via. Semplici e raffinatissime.

Si capisce subito che qui la forma √® importante e il servizio studiato. Il locale, scopriamo, √® molto attivo nel catering e organizza eventi e anche mini-corsi di pasticceria. Non stupisce che alla guida di questa bottega del gusto ci siano due donne che provengono dal mondo dell‚Äôarchitettura e della comunicazione. Hanno scelto per la pasticceria uno slogan che non lascia spazio a dubbi interpretativi: “dolci per comunicare”.

E da mangiare. Aggiungeremmo. Perch√© una volta che hai addentato una pasta, tutte di ragguardevoli dimensioni e gi√† questo ci piace, ti accorgi che dietro la forma c’√® la sostanza. Ed √® squisita. Ha un gusto pieno e completo, conserva la memoria di antiche ricette e nasce da una sapiente preparazione.

Da Bocca di Dama si entra per comperare dolci ma anche per assaporarli accomodandosi su delle poltroncine basse o ai tavolini che guardano via dei Marsi. Abbiamo sperimentato entrambe le cose. Ci siamo seduti e serviti con un tè e un espresso (su un tavolino si trovano un bollitore e una macchinetta per il caffé, self service) e, osservando attraverso una porta di vetro i pasticceri affaccendati nel vero e proprio laboratorio, abbiamo assaggiato la pasta tipica, Bocca di dama, appunto, a base di mandorle, ricoperta da una glassa bianca e decorata da una rosellina. Quindi, naturalmente per amore di cronaca, ci siamo addentrati lungo i sentieri dei sapori suggeriti da una pasta alle carote per poi perderci definitivamente in un altro dolce, una tortina, intrisa di pasta di mandorle, farcita di crema pasticcera e ricoperta da una meringa piacevolmente morbida.

Se questa pasta doveva dirci qualcosa sicuramente il suo messaggio primordiale era: mangiami. Con lentezza, con voluttà, con gusto. Senza niente togliere allo studio della comunicazione.

Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama. Roma, pasticceria Bocca di dama.





Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per lasciare un commento.
Vuoi registrarti a Nessundove?