Ristorante-galleria vicino a piazza Navona


Il desiderio preso per la coda

di Kinzi@
VN:F [1.9.22_1171]
 Media: 5.0/5   Voti: 4

Roma, il ristorante-galleria Il desiderio preso per la coda. Copyright Milena e Stéphane.
Copyright Milena e Stéphane.

Il desiderio preso per la coda
Vicolo della Palomba, 23
Roma
Tel. +39 06 68307522
http://www.ildesideriopresoperlacoda.com
Guarda la mappa

Qualche anno fa l’indirizzo di questo ristorante era così segreto che avevamo un embargo a tempo indeterminato. Chi ci aveva portati ci aveva chiesto di non passare parola. PerchĂ© il Desiderio preso per la coda (il nome viene da una commedia di Picasso) aveva davvero tanti pregi: vicinissimo a Piazza Navona ma nascosto in un tranquillo vicolo, piccolo e intimo, mescolava poche ma gustose proposte di cucina a mostre temporanee. Il tutto a prezzi affrontabili.

Roma, il ristorante-galleria Il desiderio preso per la coda. Copyright Milena e Stéphane. Roma, il ristorante-galleria Il desiderio preso per la coda. Copyright Milena e Stéphane. Roma, il ristorante-galleria Il desiderio preso per la coda. Copyright Milena e Stéphane. Copyright Milena e Stéphane. Copyright Milena e Stéphane. Copyright Milena e Stéphane.

Mancavamo almeno da un paio d’anni e ci siamo tornati un venerdì sera. Abbiamo trovato ambiente e atmosfera immutati, lo stesso menĂą con scelte singole o piatti composti da tre assaggi nel caso di pesce e verdura. La cantina sempre ben fornita e i piatti di ceramica colorata.

Ma qualche accortezza in meno nella composizione e presentazione c’era. Nel trittico di pesce che abbiamo preso, i calamari erano stati a nostra insaputa sostituiti da insalata di polpo e patate (troppo fredde), il pesce da menĂą cucinato era semplicemente al vapore. Ancora gustoso il millefoglie invece, che tra i dolci era il nostro prediletto. E il soufflĂ© di cioccolato è andato letteralmente a ruba. Impossibile dire di altri piatti che ricordavamo con piacere, il risotto, qui coniugato sera dopo sera in piĂą varietĂ , e le proposte a base di verdura.

Roma, il ristorante-galleria Il desiderio preso per la coda. Copyright Milena e Stéphane.

Il dubbio rimane: ricordo idealizzato o serata sbagliata?

Fatto sta che ci pare che Il Desiderio preso per la coda abbia perso un po’ di smalto. Anche se rimane un luogo rilassato e rilassante in cui trovare cucina discreta, prezzi abbordabili e arte contemporanea alle pareti. E, questa volta, passiamo parola.

Eravamo in cinque: per un piatto e un dolce a testa e una bottiglia di buon vino abbiamo speso 25 euro a testa.

Visualizza a una dimensione maggiore





Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per lasciare un commento.
Vuoi registrarti a Nessundove?