Meatpacking district: forte movimento

di Tempesta
VN:F [1.9.22_1171]
 Media: 5.0/5   Voti: 19

New York, Pastis.

Pastis
9 Ninth Ave
New York
http://www.pastisny.com
Guarda la mappa

Sabato, ora di pranzo.
Il Pastis √® affollatissimo e noi non abbiamo prenotato. A sorpresa ci chiedono il nome e suggeriscono di tornare dopo venti minuti. Venti minuti √® roba da poco qui, nel Meatpacking District, affascinante quartiere newyorkese dove il macello ha ceduto i propri spazi a negozi e locali. Una passeggiata ed √® gi√† ora di tornare sui nostri passi per rientrare al Pastis, infatti, bench√© la giornata favorisca un brunch all’aperto, scegliamo l’interno, pi√Ļ caotico e suggestivo, di questo locale dall’aria francese ma dai sapori, ci √® parso, americani.

New York, Pastis. New York, Pastis. New York, Pastis. New York, Pastis. New York, Meatpacking District. New York, Meatpacking District. New York, Meatpacking District. New York, Meatpacking District. New York, Meatpacking District.

Precedenti illustri, prima di noi Woody Allen aveva scelto l’interno per qualche scena di Melinda e Melinda.

Il Pastis nasce su iniziativa di Keith McNally, londinese trapiantato a New York nel 1975, con un cv pieno di nomi di locali famosi e frequentati in citt√†. Il New York Times lo defin√¨ The Restaurateur Who Invented Downtown e leggete l’articolo se vi capiter√† di andarci, lo troverete molto divertente.
Dicevamo, Mr McNally sembra avere un naturale talento per i locali di successo, da Balhazar a Schiller’s, nel 1999 apre il Pastis ancora meta di tendenza in citt√†.

Il locale √® ampio, pieno di specchi e camerieri che si affannano. Ci capita un tavolo d’angolo, ottimo punto di vista. Incontriamo alcune persone gi√† viste il giorno prima da Le pain quotidien, √® possibile, a New York, allora non c’√® da stupirsi quando nei telefilm ci si incontra per caso, come in piazza in paese.

In menu uova in tutti modi, omelette, toasted bagel, french toast, granola yogurt e frutta fresca, pancakes, pollo, coque monsieur, hamburger, di tutto insomma. Spenderete sui trenta dollari (medium size) e sarà divertente.

E poi prendetevi il pomeriggio, perdete tempo tra uno showroom e l’altro, anche i meno devoti allo shopping non si annoieranno. Fate un giro nelle boutique di Stella McCartney e Alexander McQueen anche solo per curiosare fra gli allestimenti, poi Catherine Malandrino e Matthew Williamson o entrate da Scoop per provare tutto quello che vi piace e azzardare improbabili abbinamenti.
A parte i brand pi√Ļ noti chi preferisce scoprire qualcosa di inedito pu√≤ provare da Poleci, che non conoscevano, e conta solo tre punti vendita, qui, a Los Angeles e Las Vegas oppure da Destination.

Che siate avidi di esclusive da indossare o, meglio ancora, curiosi esploratori in cerca di forme, idee e immagini, siete nel posto giusto.

Visualizza a una dimensione maggiore





Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per lasciare un commento.
Vuoi registrarti a Nessundove?