Ristorante Tuttifrutti in zona Testaccio


Il gusto delle contaminazioni

di Zenzero
VN:F [1.9.22_1171]
 Media: 4.8/5   Voti: 9

Testaccio è il quartiere della romanità e della vita notturna, locali, disco, ristoranti e lo storico mercato che sta per essere trasferito nella nuova struttura di fronte all'ex mattatoio, dove ha una sede anche il MACRO, il Museo comunale di arte contemporanea.
Ristorante Tuttifrutti
Via Luca Della Robbia, 3/A
Roma
Tel. +39 06 5757902
Aperto solo la sera, chiuso la domenica
http://www.ristorantetuttifrutti.it

Guarda la mappa

Roma, Ristorante Tuttifrutti. I tonnarelli cacio e pepe.
Roma, Ristorante Tuttifrutti. I tonnarelli cacio e pepe.

Per la tradizione siamo nel posto giusto. Se poi a qualcuno i sapori della cucina romana stanno un po’ stretti da Tuttifrutti c’√® spazio anche per interessanti contaminazioni. Un piccolo locale con una clientela affezionata, che ha recentemente cambiato gestione accentuando il suo carattere di moderna osteria.

Ambiente semplice, con un tocco di austerit√†, materie prime fresche e scelte con attenzione, piatti ben preparati. Pi√Ļ che semplicit√†, essenzialit√†. Il men√Ļ ridotto, ma molto curato.

Roma, Ristorante Tuttifrutti. Le pizzelle fritte.

Roma, Ristorante Tuttifrutti. Le pizzelle fritte.

Roma, Ristorante Tuttifrutti. I falafel.

Roma, Ristorante Tuttifrutti. I falafel.

Per cominciare ci è stato difficile resistere al pane e ai grissini, fatti in casa e sfornati il giorno stesso. Tra gli antipasti, abbiamo ordinato le pizzelle fritte Рtipicamente napoletane Рcon salsa di pomodoro e parmigiano, leggere e croccanti, che sono scomparse con grande rapidità. E così anche i falafel, ottime polpette di ceci accompagnate da una fresca salsa di yogurt e menta, una frittura asciutta e fragrante.

Poi i tonnarelli cacio e pepe, in perfetto equilibrio tra sapore pieno e delicatezza, per gli amanti del genere assolutamente da provare. Grande leggerezza dei ravioli ricotta e spinaci, conditi con una semplice salsa di pomodoro e basilico e degli gnocchi di patate (questi fatti in casa) al burro di malga.

Roma, Ristorante Tuttifrutti. I ravioli ricotta e spinaci.

Roma, Ristorante Tuttifrutti. I ravioli ricotta e spinaci.

In men√Ļ anche primi pi√Ļ ricchi che non abbiamo ancora provato, mezzi paccheri con fave, guanciale e pecorino (12 euro), ravioli di baccal√† con crema cruda di pomodoro fresco (15 euro) o spaghetti con triglie e pistacchi (15 euro). Tra i secondi abbiamo assaggiato un delicatissimo filetto di maiale al mosto cotto (15 euro) e un goloso calamaro alla piastra con humus (18 euro), rimanendo molto tentati dalle mazzancolle al vapore (18 euro) e da una tagliata di carne di fassone piemontese (18 euro). Tra i dessert la crostatina con crema pasticcera e fragole, una frolla croccante che ci ha lasciato la voglia di fare il bis.

Ingredienti di qualità per combinazioni riuscite e senza fronzoli. Curata anche la scelta dei vini, con particolare attenzione alle produzioni laziali e biologiche. In media per un pasto si spendono 35-40 euro e ci piace il fatto che non si paghi il coperto.
Torneremo presto.

Roma, Ristorante Tuttifrutti. Il filetto di maiale al mosto cotto.

Roma, Ristorante Tuttifrutti. Il filetto di maiale al mosto cotto.

Visualizza a una dimensione maggiore





Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per lasciare un commento.
Vuoi registrarti a Nessundove?