DesignCafé in Triennale a Milano


Sai che si può pranzare, in Triennale?

di Oro
VN:F [1.9.22_1171]
 Media: 5.0/5   Voti: 45

Milano, Triennale DesignCafé.
Triennale DesignCafé
Viale Alemagna, 6
Milano
Tel. +39 02 875441
http://www.triennale.it Metro Cadorna-Triennale
Orari:
martedì / domenica dalle 10.30 alle 20.30

Tempo fa l’avevamo provato, e sconsigliato.
Ora, la regia (a distanza) è di Carlo Cracco (che la presenta così), la scena di Michele De Lucchi, la collaborazione con Autogrill. Il risultato: gradevole.
Ci avevano anticipato un ‘deludente’. Senza dubbio se vi aspettate di pranzare da Cracco lo sarà; non pensate di poterlo fare a meno di 20 euro, sua è la supervisione, non la mano ai fornelli.

Milano, Triennale DesignCafé. Milano, Triennale DesignCafé. Milano, Triennale DesignCafé. Milano, Triennale DesignCafé. Milano, Triennale DesignCafé. Milano, Triennale DesignCafé. Milano, Triennale DesignCafé. Milano, Triennale DesignCafé. Milano, Triennale DesignCafé. Milano, la Triennale durante il Salone 2008. Milano, la Triennale durante il Salone 2008. Milano, la Triennale durante il Salone 2008.

Pochi piatti, semplici, consentono un pranzo più che dignitoso, in uno dei luoghi più interessanti della città. La cucina è a vista (dove campeggia la scritta Angelo Po), e al di là della vetrata si scorgono i cuochi al lavoro.
Quando ci siamo stati noi il menu prevedeva, fra le portate:
pan toast e focacce fra i farciti, riso al salto con verdure e lasagne alla bolognese tra i primi, vitello tonnato e ossobuco con verdure di stagione tra i secondi, e poi insalate e assiette di formaggi.
Abbiamo preso riso al salto, assiette di formaggi, due dolci alle mandorle, acqua, un bicchiere di spumante Le Marchesine, due caffè per 34 euro. E ci è parso adeguato.

Divertenti le pietanze a formato bimbo per 6 euro. Una raccomandazione: cercate di pranzare vista parco piuttosto che vista bookshop.

Altra novità il bancone centrale intorno al quale si muove il personale (rigorosamente, come sempre, avvolto in grembiuloni neri), mentre sono state mantenute le sedute di design tutte diverse, anche un interessante banco di prova prima di un acquisto. Durante il Salone del Mobile avevamo preso un aperitivo, sempre a prezzi contenuti, come contenuto (forse visto il periodo) il ‘buffet’ aperitivo, ridotto al triste cestello di patatine.

Resta inteso, in Triennale si va per il Design Museum (8 euro ben spesi che includono la possibilità di visitare lo Studio Museo Achille Castiglioni in Piazza Castello, 27) o per le mostre che ospita. La gradevole novità è che la sosta può includere il tempo di uno spuntino.





Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per lasciare un commento.
Vuoi registrarti a Nessundove?